ALCUNE FOTO DI ASTRONOMIA

Le immagini presenti in questa pagina sono state riprese dal balcone di casa mia in Pomigliano d'Arco (NA), con un telescopio Schmidt-Cassegrain Meade LX10, con obiettivo da 20cm di diametro, oppure con un Maksutov-Cassegrain con obiettivo da 13cm di diametro, ai quali, al posto dell'oculare, è stata applicata una webcam Philips Toucam Pro II, collegata a sua volta ad un computer laptop.

Nonostante negli anni passati abbia fatto diverse riprese con la webcam di pianeti, Sole e Luna, ultimamente preferisco effettuare osservazioni dei corpi del sistema solare, quasi esclusivamente in visuale. In questo modo, una possibile miglior qualità dell'immagine CCD, lascia il posto all'osservazione tradizionale degli eventi in tempo reale e ad una maggiore omogeneità rispetto al dato storico. Inoltre, e ciò non è poco, trovo che si impari molto di più con l'occhio all'oculare; si acquisisce una maggiore dimestichezza e familiarità con il pianeta. Senza contare il fatto che le sedute osservative si semplificano moltissimo, e senza fili, batterie e tastiere di computer c'è maggiore spazio per la quieta meditazione che è innegabilmente una parte importante del divertimento dell'astrofilo; soprattutto per chi, come me osserva il cielo in solitudine nella maggior parte dei casi.

Comunque, per tutti gli interessati ecco una breve descrizione della mia tecnica di ripresa con webcam.

La mia tecnica di astroimaging planetario è standard. Filmo il pianeta per circa 3 minuti mediante una webcam CCD Philips Toucam Pro II collegata al telescopio. In seguito, passo alla procedura di ricostruzione mediante software come IRIS o REGISTAX. Con IRIS (software piuttosto difficile ma, a mio avviso il migliore) il filmato viene suddiviso in singoli frames (1800 in caso di ripresa a 10 frames per secondo) per ciascuno dei 3 canali colore rosso, verde e blu, per un totale di 5400 frames. Successivamente procedo all'allineamento preciso dei singoli fotogrammi. Il programma inoltre, è in grado di disporli in ordine di qualità consentendo di scartare i meno nitidi. A questo punto effettuo la somma (stacking) dei frames selezionati (dal 30% al 50% o più del totale). Tutto questo viene effettuato per ciascuno dei tre canali colore.

Alla fine mi ritrovo con tre immagini somma, grezze in bianco e nero per ciascun canale, nelle quali tuttavia si vede ben poco. Passo quindi alla fase di esaltazione del dettaglio nella quale preferisco usare opportunamente algoritmi non conservativi come l'"unsharp masking", la "wavelet analysis" e il "Gaussian blur". A questo punto sommo le tre immagini dettagliate, mediante il comando "trichro" di IRIS ottenendo l'immagine dettagliata a colori.

Finalmente passo alla fase di rifinitura mediante un programma di gestione di immagini. Uso praticamente solo PHOTOSHOP che conosco piuttosto bene. In quest'ultima fase mi preoccupo di rendere esteticamente piacevole l'immagine bilanciandone i colori, la luminosità e il contrasto, tuttavia senza esagerare per evitare di falsare il dato scientifico. Questa è anche la fase in cui preparo il report da inviare alle associazioni di ricerca, inserendo tutti i dati necessari.

SOLE
macchie solari1
MACCHIE SOLARI 10.VI.2003 Mak-Cassegrain 130mm f:12+filtro mylar Philips Toucam Pro Somma di 60 frames. Registax e Photoshop
macchie solari2
MACCHIE SOLARI FACOLE E GRANULAZIONI 14.VI.2003 Mak-Cassegrain 130mm f:12+filtro mylar. Philips Toucam Pro 270 frames. Registax & Photoshop. Seeing II

 

LUNA
luna1
CRATERE ALBATEGNIUS E CRATERINO KLEIN 21.VI.2003 Mak Cassegrain 127mm Philips Toucam Pro. Registax & Photoshop. Seeing III
luna2
Moon - 2008.04.12 - 19.56 UT - Zona dei crateri Theophilus, Cyrillus e Catharina. SC 200 mm - f.eq. 4000 - IR Cut ON

 

MARTE

 

GIOVE
giove3

 

SATURNO